Publicado el 06/04/2009.
Fuente: www.archeologiamedievale.unisi.it.
Carta archeologica Comune di Asciano (SI) IV campagna di ricognizione
Direzione scientifica: prof. Marco Valenti
Coordinamento: Francesco Brogi
7 settembre – 30 ottobre 2009
Sono previsti quattro turni di partecipazione:
7 settembre – 18 settembre
21 settembre – 2 ottobre
5 ottobre – 16 ottobre
19 ottobre – 30 ottobre
Il progetto prevede la copertura attraverso ricognizioni territoriali sistematiche di aree di interesse campionate nelle fasi preliminari della ricerca. Il lavoro verrà svolto in 4 turni lavorativi di 2 settimane ciascuno.
Modalità e termini di iscrizione
Le richieste di partecipazione, complete di dati anagrafici, turno preferenziale e breve curriculum delle attività archeologicHe svolte, dovranno essere inviate all’indirizzo e-mail [email protected] entro e non oltre il 15 Agosto 2009. E’ necessario stipulare un’assicurazione anti-infortunio ed è preferibile indicare se muniti di mezzo proprio.
Per ulteriori informazioni: Francesco Brogi n. cell. 349 1089384
Torre di Donoratico – Castagneto Carducci (LI) X campagna di scavo
Direzione: Giovanna Bianchi
22 giugno – 7 agosto 2009
Sono previsti due turni di partecipazione:
22 giugno – 11 luglio
13 luglio – 7 agosto
Nella memoria storico-visiva dei luoghi che caratterizzano l’area costiera livornese meridionale, il castello di Donoratico, sito nel territorio del comune di Castagneto Carducci e legato al principale ramo della casata dei Della Gherardesca, da sempre occupa un posto di rilievo. Le sue torri, costruite tra XII e XIII secolo e ancora conservatesi per buona parte della loro altezza originaria svettano nella parte più alta del pianoro sommitale e sono ben visibili da ogni punto cardinale del paesaggio circostante. Restano oggi anche testimonianze delle strutture del borgo, della cinta muraria e delle relative porte.
Le indagini archeologiche, iniziate nel 2000, hanno consentito di riportare in luce una complessa serie di stratigrafie comprese tra l’età ellenistica ed il tardo medioevo. Durante la decima campagna continuerà lo scavo della porzione Sud/Est del borgo, con stratigrafie relative alla fase di cantiere per la costruzione del circuito murario di IX secolo e ad un ambiente riferibile alla fase di frequentazione dei secoli VII e VIII secolo.
Modalità e termini di iscrizione
Vitto e alloggio gratuitii.
L’alloggio è previsto in appartamenti situati a Castagneto Carducci.
I partecipanti allo scavo devono essere muniti di propria assicurazione antinfortunistica (infortuni e R/C).
La presenza minima richiesta è di un turno di scavo (nella selezione saranno privilegiati gli scavatori in possesso di mezzo proprio).
Per accedere al cantiere è indispensabile essere dotati di scarpe antiinfortunistiche.
Le richieste di partecipazione (complete di dati anagrafici, recapito telefonico, e-mail, corso di studi, turno preferenziale, possesso o meno di un’auto propria) dovranno pervenire via e-mail al recapito sotto indicato.
Recapiti
Per la richiesta di partecipazione si prega di inviare il curriculum al seguente indirizzo:
[email protected]
Per informazioni e chiarimenti si invita a chiamare il numero tel. 0564-441210 dal lunedì al venerdi o rivolgersi presso il Laboratorio di Archeologia dell’Architettura e dell’Urbanistica Medievali, Ex Convento delle Clarisse – Via Vinzaglio, 28 – 58100 Grosseto.
Rocca degli Alberti – Monterotondo M.mo (GR) V campagna di scavo
Direzione: Giovanna Bianchi
29 giugno – 14 agosto 2009
Sono previsti due turni di partecipazione:
29 giugno – 17 luglio
20 luglio – 14 agosto
L’intervento di scavo all’interno della Rocca degli Alberti rientra nelle attività che l’Università di Siena svolge da anni per lo studio delle dinamiche insediative del territorio massetano attraverso analisi di superficie, interventi di scavo di insediamenti fortificati e mappature delle aree minerarie. Il territorio in cui si trova Monterotondo Marittimo, ora caratterizzato da ampie distese boschive, si è distinto sino all’età contemporanea per la densa attività mineraria che ha interessato i giacimenti di minerali. In particolare nel mediOevo, l’estrazione di metalli monetabili (rame e argento) ha connotato fortemente il territorio, dando avvio al processo di nascita di una rete di insediamenti fortificati che costituivano le basi da cui i poteri signorili, ecclesiastici e cittadinicontrollavano i processi di produzione metallurgici.
Modalità e termini di iscrizione
Vitto e alloggio gratuitii.
L’alloggio è previsto presso la foresteria della Comunità Montana.
I partecipanti allo scavo devono essere muniti di propria assicurazione antinfortunistica (infortuni e R/C).
La presenza minima richiesta è di un turno di scavo (nella selezione saranno privilegiati gli scavatori in possesso di mezzo proprio).
Per accedere al cantiere è indispensabile essere dotati di scarpe antiinfortunistiche.
Le richieste di partecipazione (complete di dati anagrafici, recapito telefonico, e-mail, corso di studi, turno preferenziale, possesso o meno di un’auto propria) dovranno pervenire via e-mail al recapito sotto indicato.
Recapiti
Per la richiesta di partecipazione si prega di inviare il curriculum al seguente indirizzo:
Jacopo Bruttini – [email protected]
Per informazioni e chiarimenti si invita a chiamare il numero tel. 0577-233664 (oppure 328 5671650) dal lunedì al venerdi o rivolgersi presso il Laboratorio Archeometrico del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, Via Roma 56 – 53100 SIENA)
Castello di Cugnano – Monterotondo M.mo (GR) VII campagna di scavo
Direzione: Giovanna Bianchi
17 agosto – 2 ottobre 2009
Sono previsti due turni di partecipazione:
17 agosto – 4 settembre
7 settembre – 2 ottobre
L’indagine archeologica sul castello di Cugnano rientra nella ricerca concernente gli insediamenti medievali a vocazione minerario-metallurgica, nella Toscana meridionale. Nel bassomedioevo Cugnano rappresenta un sito basilare nella produzione di metalli monetabili, i quali rappresentano la risorsa primaria dell’area mineraria compresa fra Massa Marittima e Monterotondo. Le prime indagini sul sito hanno portato in luce la lunga continuità di vita dell’insediamento, dall’VIII al XIV secolo.
Modalità e termini di iscrizione
Vitto e alloggio gratuitii.
L’alloggio è previsto presso la foresteria della Comunità Montana.
I partecipanti allo scavo devono essere muniti di propria assicurazione antinfortunistica (infortuni e R/C).
La presenza miNima richiesta è di un turno di scavo (nella selezione saranno privilegiati gli scavatori in possesso di mezzo proprio).
Per accedere al cantiere è indispensabile essere dotati di scarpe antiinfortunistiche.
Le richieste di partecipazione (complete di dati anagrafici, recapito telefonico, e-mail, corso di studi, turno preferenziale, possesso o meno di un’auto propria) dovranno pervenire via e-mail al recapito sotto indicato.
Recapiti
Per la richiesta di partecipazione si prega di inviare il curriculum al seguente indirizzo:
Jacopo Bruttini – [email protected]
Per informazioni e chiarimenti si invita a chiamare il numero tel. 0577-233664 (oppure 328 5671650) dal lunedì al venerdi o rivolgersi presso il Laboratorio Archeometrico del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, Via Roma 56 – 53100 SIENA
Canonica di San Niccolò – Montieri (GR) I campagna di scavo
Direzione: Giovanna Bianchi
5 ottobre – 30 ottobre 2009
E’ previsto un unico turno di scavo
In località La Canonica, oggi un’area fortemente boschiva, si trova un terrazzo naturale, delimitato da un fosso, sul quale si riconoscono i ruderi della struttura ecclesiastica di San Niccolò.
Una notizia del 1137 menziona una vendita di beni dal Vescovo di Volterra a quello di Siena. Tra i beni venduti, non passerebbe alla diocesi di Siena la Canonica di S. Niccolò mentre sarebbero oggetto di cessione le argentiere nelle vicinanze della Canonica stessa.
Questo documento testimonia dunque un probabile ruolo svolto dalla Canonica stessa nell’estrazione e nella gestione della lavorazione dell’argento.
Alcune indagini topografiche svolte dall’Università di Siena nel comune di Montieri all’inizio degli anni Novanta hanno infatti evidenziato, nel sito in questione, la presenza di Galena, Blenda e Calcopirite nonché di scorie collegate ai processi metallurgici.
Sul sito sono visibili in superficie i resti murari relativi ad una chiesa realizzata in piccole bozze di calcare della quale si riconoscono la navata principale e almeno due absidi. Intorno alla struttura ecclesiastica si dispongono alcuni edifici dei quali al momento è difficile un’identificazione certa. Inoltre, in alcune aree limitrofe al sito, sono presenti superficialmente delle discariche di scoRie relative alla lavorazione di metallo monetabile.
Modalità e termini di iscrizione
Vitto e alloggio gratuitii.
L’alloggio è previsto presso la foresteria della Comunità Montana.
I pArtecipanti allo scavo devono essere muniti di propria assicurazione antinfortunistica (infortuni e R/C).
La presenza minima richiesta è di un turno Di scavo (nella selezione saranno privilegiati gli scavatori in possesso di mezzo proprio).
Per accedere al cantiere è indispensabile essere dotati di scarpe antiinfortunistiche.
Le richieste di partecipazione (complete di dati anagrafici, recapito telefonico, e-mail, corso di studi, turnO preferenziale, possesso o meno di un’auto propria) dovranno pervenire via e-mail al recapito sotto indicato.
Recapiti
Per la richiesta di partecipazione si prega di inviare il curriculum al seguente indirizzo:
Jacopo Bruttini – [email protected]
Per informazioni e chiarimenti si invita a chiamare il numero tel. 0577-233664 (oppure 328 5671650) dal lunedì al venerdi o rivolgersi presso il Laboratorio Archeometrico del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, Via Roma 56 – 53100 SIENA
Más información Portale di Archeologia Medievale:http://archeologiamedievale.unisi.it/
Publicado el 06 de Abril de 2009.
Fuente:
 http://www.arqueologiamedieval.com/noticias/noticias.asp?ref=3585

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.